"rascel

«Io prendo manciate di parole e le lancio in aria; sembrano coriandoli, ma alla fine vanno a posto come le tessere di un mosaico».
(Renato Rascel)

martedì 6 novembre 2012

L'AMORE PERDUTO

"Tout passe, tout lasse, tout casse" 
Tutto passa, tutto stanca - sfinisce, tutto si frantuma....
e... rimangono le ferite.
Sì, è sempre così. Certamente finirebbe il mondo se non ci fosse la rassegnazione e la speranza: la vita deve continuare comunque!
Molti sono le storie d'amore narrate o meglio cantate che ci hanno lasciato i Grandi di tutti i tempi. La sensibilità umana ci fa riflettere su quanto i nostri sentimenti siano forti e determinati in noi, ma è consapevole  delle imponderabili variabili della vita che ci portano al cambiamento delle situazioni lasciando un amaro che mano a mano sfuma in ricordo quasi sempre nella speranza.
Forse queste "canzoni" di autori indimenticabili, come la prima è più vicina a noi, è del grandissimo ed indimenticabile Fabrizio De André. La sua consueta profondità sulle riflessioni degli umani sentimenti è facilmente visibile nei versi armoniosi. Trovo sia meglio leggerli attentamente prima di ascoltare la sua affascinante interpretazione.
Le altre sono belle per altri motivi che mi piacerebbe scopriste da soli, vi ho messo il testo e fatto la traduzione per quelle in vernacolo.Sono solo Italiane e qualcuna rappresenta il nostro folcrore.
Amore Che Vieni, Amore Che Vai
(di Fabrizio De André)
Quei giorni perduti a rincorrere il vento
a chiederci un bacio e volerne altri cento
un giorno qualunque li ricorderai
amore che fuggi da me tornerai
un giorno qualunque li ricorderai
amore che fuggi da me tornerai

e tu che con gli occhi di un altro colore
mi dici le stesse parole d'amore
fra un mese fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai
fra un mese fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai

venuto dal sole o da spiagge gelate
perduto in novembre o col vento d'estate
io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai
amore che vieni, amore che vai
io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai
amore che vieni, amore che vai...

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Questa che segue, Fenesta Ca Lucive, è una storia molto triste conosciuta in tutto il mondo, la musica è più struggente delle parole. E' stata presente in tutti i testi di musica e canto per le scuole italiane fino a poco tempo fa. Qui il protagonista non trova altra via per rassegnarsi alla perdita della sua amata se non quella di farle visita al cimitero.
Fenesta Ca Lucive
(di anonimo napoletano)
Finestra che brillavi (trad. Cle Reveries)
Fenesta ca lucive e mo nun luce,
Finestra che brillavi ed oro non brilli
sign'è ca Nénna mia stace malata.

è segno che la mia "Bambina" (Nenna) mia sta malata.
S'affaccia la surella e mme lu dice:

Si affaccia sua sorella e melo dice
"Nennélla toja è morta e s'è atterrata".

"La tua Nennella è morta e l'hanno sotterrata
Chiagneva sempe ca durmeva sola,
piangeva sempre perchè dormiva sempre da sola
mo dorme co' li muorte accompagnata.

adesso dorme accompagnata dai morti.
Mo dorme co' li muorte accompagnata!
Adesso dorme accompagnata dai morti.
Addio fenesta, rèstate 'nzerrata,
Addio finestra rimani chiusa
ca Nénna mia mo nun se pò affacciare.
perchè la mia Nenna non si può più affacciare

Io cchiù nun passarraggio da' 'sta strata,
Io non passerò più da questa strada 

vaco a lo camposanto a passíare.
Vado al cimitero a passeggiare
Zi' parrocchiano mio, tiene 'nce cura,
Oh mio caro custode, abbine cura 

na lampa sempe tienece allummata.
Tieni sempre accesa una lampada
Na lampa sempe tienece allummata!
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Lu Rusciu Te Lu Mare
Anche questa è una conzone popolare molto antica, da poco riscoperta e cantata dai gruppi di recente formazione nella "Notte della Taranta". Parla di un amore impossibile tra un soldato ed una principessa promessa sposa di un altro nobile spagnol
LU RUSCIU TE LU MARE
(di Anonimo Salentino)
Il Mormorio del Mare (trad. Cle Reveries)
Na sera jeu passai pe le padule
Una sera passai per le paludi
E ntisi le ranocchiule cantare,
Esentii le ranocchie cantare
E ntisi le ranocchiule cantare.

Commu cantanu belle a una a una,

Come erano belle mentre cantavano a una a una
Pariane lu rusciu te lu mare,
Sembravano il mormorio del mare.
Pariane lu rusciu te lu mare.

Lu rusciu te lu mare è troppu forte,

Il mormorio del mare è troppo forte
La fija te lu re se dia la morte.
La figlia del re si dà la morte
La fija te lu re se dia la morte.

Iddha se dia la morte e jeu la vita,

Lei si dà la morte e io la vita
La fija te lu re sta se marita,
La figlia del re si sta maritando
La fija te lu re sta se marita,

Iddha sta se marita e jeu me ‘nzuru,

Lei si sta maritando e io mi sposo 
La fija te lu re me tae lu fiuru,
La figlia del re mi dà il fiore
La fija te lu re me tae lu fiuru,

Ca jeu lu core meu, Ca jeu lu core meu,

'Chè io il cuore mio, 'chè io il cuore mio
Ca jeu lu core meu, Ca jeu lu core meu,
'Chè io il cuore mio, 'chè io il cuore mio
Ca jeu lu core meu te l’aggiu dare.
'Chè io il cuore mio te lo devo dare

Iddha me tae lu fiuru e jeu la palma.

Lei mi dà il fiore ed io la palma
La fija te lu re se vae a la Spagna.
La figlia del re se ne va in spagna
La fija te lu re se vae a la Spagna

Ca jeu lu core meu, Ca jeu lu core meu,

'Chè io il cuore mio, 'chè io il cuore mio
etc.

Iddha se vae a la Spagna e jeu Nturchia,

Lei se ne va in Spagna ed io in Turchia
La fija te lu re è la zita mia,
La figlia del re è la mia ragazza
La fija te lu re è la zita mia.

Ca jeu lu core meu, Ca jeu lu core meu,

Ca jeu lu core meu te l’aggiu dare.

E vola vola vola, palomba,vola

E vola vola vola, palomba,vola….
E vola vola vola, palomba,vola
E vola vola vola, palomba,vola….

Ca jeu lu core meu, Ca jeu lu core meu,

Ca jeu lu core meu te l’aggiu dare.
Ca jeu lu core meu, Ca jeu lu core meu,
Ca jeu lu core meu te l’aggiu dare.

E vola vola vola, palomba,vola

E vola vola vola, palomba,vola….
E vola vola vola, palomba,vola
che_luci

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Questa è una chicca del Quartetto Cetra, un vanto per la nostra storia della musica. L'interpretazione è eccezionale, la narrazione è stupenda e la briosità della  musica, rendono più leggera e romantica la triste storia.
Conosciutissima e cantata da tutti negli anni '50, dopo essere presentata ad un famosissimo Festival di San Remo ebbe un successo strepitoso.
Senz'altro è una storia delicata, e molto, molto romantica.
Aveva Un Bavero
(1957, M.Panzeri - V.Ripa, Ed. Tevere)
Nelle sere fredde e scure
presso il fuoco del camino,
quante storie, quante fiabe
raccontava il mio nonnino.

La più bella ch'io ricordo

è la storia di un amore,
di un amore appassionato
che felice non finì.

Ed il cuore di un poeta

a tal punto intenerì
che la storia di quei tempi
mise in musica così:

Aveva un bavero color zafferano

e la marsina color ciclamino,
veniva a piedi da Lodi a Milano
per incontrare la bella Gigogin.

Passeggiando per la via

le cantava "Mio dolce amor,
Gigogin speranza mia
coi tuoi baci mi rubi il cuo"r.
(Parlato)
E la storia continua:
Lui fu mandato soldatino in Piemonte
ed ogni mattina le inviava un fiore
sull'acqua di una roggia
che passava per Milano.
Finchè un giorno:

Lui, saputo che il ritorno

finalmente era vicino,
sopra l'acqua un fior d'arancio
deponeva un bel mattino.

Lei, vedendo e indovinando

la ragione di quel fiore,
per raccoglierlo si spinse
tanto tanto che cascò.

Sopra l'acqua, con quel fiore,

verso il mare se ne andò,
e anche lui, per il dolore,
dal Piemonte non tornò.

Aveva un bavero color zafferano

e la marsina color ciclamino,
veniva a piedi da Lodi a Milano
per incontrare la bella Gigogin.

Lei lo attese nella via

fra le stelle stringendo un fior
e in un sogno di poesia
si trovarono uniti ancor.

(Parlato)

Stretta la foglia larga la via
dite la vostra
che noi abbiamo detto:
Un bavero color zafferamo.
La storia di un amor!

---------------------------------------------------------------------------------------
La povera Cecilia è un canto patriottico dell'unità dìItalia, è cantata molto spesso nei cori alpini.
Anche qui un amore finito, uno strano amore in una vicenda un po' torbida che finisce in tragedia.
LA POVERA CECILIA
La povera Cecilia piange il suo marì,gliel’hanno imprigionato per farglielo morir.
“Oh signor capitano la grazia fate a me!
“La grazia te la faccio, vieni a dormir con me!”
Allora la Cecilia corre alla prigion:
“Marito sei contento s’io vo a dormir con lui?”
“Vai, vai pure Cecilia non star pensar l’onor,
salva la vita mia, levami di prigion.”
A mezzanotte in punto, Cecilia dà un sospir:
“Cosa hai tu Cecilia da non poter dormir?”
“Ho fatto un brutto sogno, ch’è morto mio marì,
se il mio marito è morto, anch’io voglio morir.”
“Dormi, dormi Cecilia, dormi senza un sospir,
che domattina buon’ora il tuo marito è qui.”
Alla mattin buon’ora Cecilia va al balcon,
vede il suo marito col collo a penzolon.
“Addio belli palazzi, addio belle città,
addio visin dorato e chi ti bacerà.”
Laggiù al camposanto fioriscono rose e fior,
è il fior della Cecilia ch’è morta per amor.
La povera Cecilia


13 commenti:

  1. kisses my dear and have an excellent week!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Many thanks
      ... and have a lot of fun my dear!

      Elimina
  2. Ciao Cle,bellissimo questo post !
    ...per fortuna il tempo che passa lenisce,o ci fa superare,molte storie che sembravano insuperabili come la fine di una storia d'amore...
    ...poi lentamente,la speranza che rinasce,porta con se a volte una poesia,a volte una bellissima canzone d'amore o tante altre belle cose...

    RispondiElimina
  3. lu rusciu te lu mare poi è indimenticabile !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero quello che dici: "per fortuna il tempo che passa lenisce,o ci fa superare" e sfumando i ricordi ne smussa gli angoli più pungenti.
      Lu rusciu te lu mare è bellissima, come le altre qui riportate d'altra parte. E' nel repertorio del nostro coro, la portiamo con noi su tutti i palchi su cui ci esibiamo, ed è sempre un successo. Anche nei posti dove non si conosce il Salentino è un vero successo, dobbiamo sempre concedere il bis. Ci sono molte versioni, noi cantiamo questa.
      Sì è indimenticabile ma è anche molto orecchiabile. Anche le altre hanno la stessa orecchiabilità e rischiano di diventare il "tormentone" dopo averle ascoltate più di una volta.
      Un ciao con un forte abbraccio

      Elimina
  4. "Tout passe, tout lasse, tout casse"
    Una frase che conosco bene.
    Hai fatto grandi scelte, fra le quali la mia prediletta è quella di Fabrizio.
    Un grande abbraccio, amica mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' inutile dirlo io le prediligo tutte!
      ... l'altra frase che conosciamo tutti molto bene è: c'est la vie!
      Questa banalmente è sempre la conclusione valida per tutto!
      Merci beaucoup, mon amie!

      Elimina
  5. Accidenti! Il quartetto cetra! Da quanto non li sentivo! Veramente, da quanto non li sentivo nemmeno nominare! :-D
    Comunque da genovese non posso che parteggiare per il grande Faber! ;-)
    Un salutone :-)

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto tra le mie "Reveries", sono veramente lieta di vederti qui.
      E' proprio vero il nostro Faber è proprio un mito, fortunatamente riconosciuto da tutti, ma altri come il Quartetto Cetra, mitici anche loro con quell'allegra ironia e il modo geniale e innovativo delle loro interpretazioni, non vengono nemmeno nominati ed è un peccato che stiano relegati in un angolino della nostra memoria, tra i bei ricordi, quando hanno rappresentato un'era e hanno deliziato un'intera generazione.
      Un augurio per un felice weekend da passare senza pioggia!

      Elimina
    2. Ah, sono d'accordo! :-) Anche io li ricordo appena, purtroppo. Per questo sono stato ancora più contento di ritrovarli, grazie al tuo post ed a te ;-)

      www.wolfghost.com

      Elimina
    3. Vivere di ricordi è squallido, ma farsi accarezzare l'anima da quello che un tempo era molto piacevole per noi ci rende più umani e ci fa godere maggiormente la nostra realtà e il nostro nuovo modo di esistere!
      Secondo me l'ottimismo è una positività contagiosa!
      Buona giornata ed anche una splendida nuova settimana
      Anche un sorrisone non guasta, vero? :D

      Elimina
  6. Thank you so much for your unconditional support and dedication my dear friend!!!

    wish you a great week and send you a million hugs!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks for all the compliments, the wishes and the welcome million hugs.
      It's a pleasure for me to pass at you and find a friend that is there to offer me so many suggestions and the possibility to compare my opinions with a real friend and a so tasteful and gentle LADY like you!
      Sending you more than a million hugs
      Cle

      Elimina

Ciao, grazie per essere arrivati qui tra le mie "Reveries".
La mia curiosità di conoscervi è grande, se vi va, lasciate qui un commento.
... e se non avete un blog, postate come anonimo, ma lasciate il vostro nome, mi piace vedervi come persone